Formazione

Immagine sezione Formazione

Corso REALIZZATO DA

IAL FVG PantoneIALWeb


FORMAZIONE FORMATORI PER LA SICUREZZA

ai sensi dell Decreto 6 marzo 2013. Rilascia crediti per ASPP / RSPP

Data inizio: 12/10/2017
Durata: 28 ore
Frequenza e orario: Giovedì - Mattina e Pomeriggio
Livello corso: Work
Selezione: Sì
Certificazione rilasciata: attestato di frequenza previa verifica finale

  • Data inizio

    12/10/2017

    Durata

    28 ore

    Frequenza e orario

    Giovedì - Mattina e Pomeriggio

    Livello corso

    Work

  • Selezione

    SI 

    Certificazione rilasciata

    attestato di frequenza previa verifica finale

    Quota di iscrizione

    € 380,00; Richiesti € 2,00 per la ricevuta/fattura

OBIETTIVI

Il percorso formativo ha la finalità di far acquisire, sviluppare e valorizzare le competenze necessarie a svolgere il ruolo di formatore in ambiente di sicurezza sul lavoro. Con il percorso formativo, ogni corsista potrà costruire il suo sistema di padronanza, per organizzare e condurre setting formativi, utilizzando un modello concettuale/pragmatico adatto ai diversi target professionali.
A fine corso, I partecipanti saranno in grado di:
- agire con consapevolezza il ruolo di formatore
- progettare un intervento formativo, adeguato al contesto e al target professionale
- utilizzare strumenti e metodologie didattiche appropriate
- valutare l'efficacia della formazione
- gestire le dinamiche interne al processo di apprendimento

Contenuti

Warm up (ore 1)

- Rilevazione delle attese e delle competenze in ingresso
- Condivisione del piano di lavoro
- Definizione di obiettivi e metodologie
- Consapevolezza dei percorsi per l'empowerment dell'apprendimento

UF 1. Capire la cultura aziendale della sicurezza per orientare la formazione (ore 3)

- Gli aspetti oggettivi e soggettivi della sicurezza
- La cultura aziendale della sicurezza: rilevare i vari livelli evolutivi
- Il processo per costruire la cultura della sicurezza
- Riconoscere nel contesto le azioni che violano la sicurezza
- Far corrispondere la formazione al bisogno reale

UF 2. Gestire il processo di formazione: fasi 1 e 2 (ore 7)

Fase 1. Gestire la fase di rilevazione del fabbisogno formativo

- Capire il fabbisogno formativo
- Conoscere gli strumenti di rilevazione del fabbisogno formativo
- Scegliere la metodologia appropriata per la fase di rilevazione del fabbisogno
- Gestire con adeguatezza gli incontri con il committente

Fase 2. Gestire la fase di progettazione della formazione

- Promuovere l'apprendimento nell'adulto
- Rispettare il concetto di sè dell'adulto
- Valorizzare l'esperienza accumulata
- Promuovere la disponibilità ad apprendere
- Riconoscere ed accogliere gli stili cognitivi
- Facilitare gli step dell'acquisizione delle capacità
- Progettare l'intervento formativo
- Progettare personalizzando
- Progettare considerando i meccanismi di percezione, attenzione e memoria
- Articolare il progetto formativo in base a obiettivi e tempi

UF 3. Gestire il processo di formazione: fasi 3 e 4 (ore 7)

Fase 3. Gestire la fase di erogazione della formazione

- Scegliere lo stile di erogazione
- Valorizzare la dimensione comunicativa
- Utilizzare il linguaggio appropriato
- Armonizzare tempo e ritmo dell'eloquio
- Utilizzare la comunicazione paraverbale appropriata
- Gestire la comunicazione non verbale

Fase 4. Gestire la fase di valutazione della formazione

- Misurare l'efficacia della formazione
- Valutare in fase ex-ante
- Organizzare la verifica, l'accertamento e la valutazione di processo
- Organizzare la valutazione a caldo da parte dei corsisti
- Prevedere il follow up
- Adottare un processo di valutazione sostenibile

UF 4. Agire il ruolo di formatore e gestire le dinamiche del gruppo in formazione (ore 6)

- Agire il ruolo di formatore
- Sancire il patto formativo
- Utilizzare metodologie di formazione attiva
- Facilitare il passaggio da conoscenza a competenza
- Le diverse tipologie di formatore
- Il gruppo d'aula e il gruppo in formazione
- Le condizioni e le fasi del gruppo in formazione
- Gestire le domande, le opposizioni e le situazioni critiche

Chiusura dell'esperienza formativa ed esame finale (ore 4)

L'esame finale, oltre ad avere il significato di rilevare le competenze in uscita, rappresenterà un'ulteriore occasione formativa. Verterà sulla presentazione, da parte di ogni corsista, di un autocaso e delle modalità di conduzione dello stesso. Per arrivare al risulto finale, i corsisti potranno usufruire della consulenza dei formatori, del Coordinatore e del Tutor del percorso formativo.

Metodologia formativa
La metodologia che si intende adottare per l'attuazione del Progetto Formativo si ispira ai criteri della Formazione Azione. Con la metodologia della formazione-azione si mira a promuovere un più efficace e consolidato processo di apprendimento dei contenuti proposti e delle competenze.
La formazione/azione si basa sulla “spendibilità” dell'esperienza formativa, sul coinvolgimento consapevole, per imparare a pensare, a fare e a "realizzare", a intervenire con consapevolezza in situazione reale.
La metodologia formativa, di tipo eterocentrato, è finalizzata alla formazione professionale per adulti con esperienza sul campo,
Saranno utilizzate le seguenti metodiche formative, di tipo attivo:
- Sistematizzazione cognitiva: utilizzo di paradigmi di riferimento, validati, per promuovere la modellistica e la concettualizzazione a supporto delle competenze da acquisire
- Esercitazioni: facilitazione dell'apprendimento di capacità operative e dello sviluppo di capacità problem solving
- Autocasi: situazioni problematiche sottoposte dai partecipanti, che facilitano la possibilità di implementare i contenuti didattici
- Role playing: per far emergere il ruolo e le norme comportamentali in un clima collaborativo, simulando l'attività nella quale i professionisti sono chiamati ad operare
- Autovalutazione: utilizzo di check list operative di controllo

Rivolto a

Formatori che necessitano di apposito corso per essere qualificati alla docenza, così come previsto dalle decisione della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro istituita presso il Ministero del lavoro del 18 aprile 2012 su “Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro”

Requisiti

Requisiti obbligatori: Diploma di scuola media superiore

Info utili

Calendario:
12 ottobre 4 ore, dalle 9 alle 13
19 ottobre 7 ore, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17
26 ottobre 7 ore, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17
9 novembre 6 ore, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 16
16 novembre 4 ore esame finale, dalle 9 alle 13

Docenti:
Dolores Grando: Psico-sociologa, Consulente e Formatore senior, ha lavorato in ambiente ad elevata integrazione sociale e sanitaria, occupandosi tra le altre attività di progetti formativi. Attualmente si occupa di ricerca, formazione, consulenza e coaching per aziende, enti di formazione e PP.AA sulle tematiche riguardanti l'analisi organizzativa, il clima aziendale ed il benessere organizzativo, la comunicazione della sicurezza, lo stress lavoro correlato e le softskill delle risorse umane ai diversi livelli.

Gianpiero Cidonio:
Socio-analista delle organizzazioni, Consulente e Formatore senior, ha lavorato in ambiente istituzionale. Da alcuni anni collabora con Enti formativi, aziende e PP.AA su progetti riguardanti il benessere organizzativo, il clima aziendale, lo stress lavoro correlato, la cultura dell'azienda sicura, la gestione dei processi di cambiamento, il project management e lo softskill delle risorse umane, inserite nei diversi settori e ruoli.

FORMAZIONE FORMATORI PER LA SICUREZZA Quota di iscrizione: € 380,00; Richiesti € 2,00 per la ricevuta/fattura

Sede del corso

IAL UDINE

Via del Vascello 1 - UDINE
0432 626111

Contatti

Referente: ZORZINI ANDREA
andrea.zorzini@ial.fvg.it


Quota di iscrizione

€ 380,00; Richiesti € 2,00 per la ricevuta/fattura


Corso REALIZZATO DA

IAL FVG PantoneIALWeb